Al via il nuovo Registro Attività Sportive Dilettantistiche: ecco come iscriversi

Al via il nuovo Registro Attività Sportive Dilettantistiche: ecco come iscriversi

Mediante il sito di Sport e Salute S.p.A., il 31 agosto scorso è stata resa nota l’attivazione, presso il Dipartimento per lo Sport, del nuovo Registro Nazionale delle Attività Sportive Dilettantistiche.

Il Registro, accessibile tramite piattaforma, “assolve le funzioni di certificazione della natura sportiva dilettantistica dell’attività svolta dalle società e associazioni sportive, ai sensi dell’art. 10, D.lgs. 28 febbraio 2021, n. 36 e dell’art. 5, D.lgs. 28 febbraio 2021, n. 39, e anche alle altre funzioni previste dalla normativa”.

Nuovo Registro Nazionale Attività Sportive Dilettantistiche

Nel regolamento di disciplina della tenuta e conservazione, si precisa come il Dipartimento per lo Sport si avvalga della Società Sport e Salute S.p.A. in primis per l’attività di gestione, la quale “sulla base di un Piano Operativo approvato dallo stesso”, procede attraverso “modalità telematiche mediante l’utilizzo di un’apposita piattaforma, che permette il più ampio accesso alle informazioni e ai dati che devono essere inseriti ai sensi della normativa vigente”.

Si aggiunge l’esercizio di funzioni ispettive volte a controllare la “forma giuridica del richiedente l’iscrizione”, l’atto costitutivo e lo statuto, l’assenza di scopo di lucro, lo svolgimento “di attività secondarie e strumentali”, oltre che il “riconoscimento delle associazioni sportive dilettantistiche e delle società sportive dilettantistiche e la certificazione della natura sportiva dilettantistica dell’attività da esse svolta, per tutti gli effetti che l’ordinamento collega a tale qualifica”.

Come si struttura il nuovo Registro delle Attività Sportive Dilettantistiche?

Fermo restando l’istituzione di sezioni aggiuntive, “in relazione alle ulteriori competenze e funzioni da svolgere attraverso il Registro, ad oggi, esso si compone di due parti:

  • una “sezione pubblica”: caratterizzata dalle informazioni relative ad ASD ed SSD iscritte, consultabili da chiunque via web;
  • una “sezione riservata”: contenente “ulteriori dati relativi alle Associazioni/Società”. Questi risultano controllabili dall’Organismo di affiliazione e dagli iscritti “dotati di username e password”, con possibilità di “visualizzare solo i propri. L’accesso a tale sezione è esteso anche ad Agenzia delle Entrate, al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e all’Inps “per il perseguimento delle loro finalità istituzionali.

Registro Attività Sportive Dilettantistiche: quali requisiti per l’iscrizione?

Salva espressa autorizzazione del Dipartimento per lo Sport ad Associazioni e Società prive di alcuni elementi, tenuto conto “del loro carattere storico e della loro vocazione sportiva di notevole rilievo”, di norma l’iscrizione è consentita ad ASD ed SSD costituite “ai sensi dell’art. 90 della Legge n. 289 del 2002 e, dalla data di sua applicazione, ai sensi degli articoli del Capo I, Titolo II del D.lgs. n. 36 del 2021”.

Queste le caratteristiche necessarie per procedere:

  • “sede legale in uno degli Stati membri dell’Unione Europea” e almeno una sede operativa in Italia, “per gli adempimenti e procedimenti sportivi […] accessibile ed idonea alla vita associativa”;
  • affiliazione ad un Organismo sportivo;
  • non assimilazione “ad associazioni/società di secondo livello”. Ad esempio: “quelle che svolgono attività di affiliazione o aggregazione per conto dell’Organismo sportivo di affiliazione”; “quelle che organizzano attività sportiva, didattica e/o formativa in proprio o per conto dell’Organismo sportivo di affiliazione”, esclusi i casi di “affidamento operativo temporaneo per singoli eventi la cui titolarità appartenga o sia riconosciuta dall’Organismo sportivo medesimo”; o ancora, “quelle che esercitino attività amministrativo contabile, attività correlata alla giustizia sportiva o altra attività di puro servizio dell’Organismo sportivo di affiliazione”;
  • non debbono rappresentare un’articolazione territoriale dell’Organismo d’appartenenza, “ad eccezione del Centro Universitario Sportivo Italiano (“CUSI”);
  • svolgimento di “comprovata attività sportiva, la formazione, la didattica, ivi inclusa la preparazione e l’assistenza all’attività sportiva dilettantistica;
  • adozione di uno statuto conforme “alla normativa in materia”.

Come iscriversi al Registro delle Attività Sportive Dilettantistiche?

L’istanza è inviata al Dipartimento per lo Sport su richiesta della ASD/SSD tramite il proprio Organismo sportivo o il CIP, tenuto ad attestare la conformità dell’affiliato ai requisiti stabiliti e a garantirne il mantenimento, annotando eventuali variazioni o domandando integrazioni agli interessati.

Entro quarantacinque giorni dalla richiesta e previo accertamento delle condizioni, il Dipartimento può:
– iscrivere l’organizzazione, accogliendo la domanda;
“rifiutare l’iscrizione con provvedimento motivato”;
– pretendere integrazioni. “Decorsi ulteriori trenta giorni dalla comunicazione dei dati integrativi richiesti, la domanda di iscrizione si intende accolta”, con validità “dalla data di presentazione”. Qualora gli elementi obbligatori risultino mancanti o incompleti, “nel rispetto dei termini in esso previsti, il Dipartimento per lo Sport invita l’Associazione/Società ad adempiere all’obbligo suddetto, assegnando un termine non superiore a centottanta giorni, decorsi inutilmente i quali l’ente è cancellato dal Registro.

Insieme alla domanda, è consentito richiedere anche il riconoscimento della personalità giuridica.

Come già detto, “l’iscrizione nel Registro certifica la natura sportiva dilettantistica dell’attività svolta dalla Società/Associazione, per tutti gli effetti che l’ordinamento collega a tale qualifica, fermo il riconoscimento ai fini sportivi da parte di FSN, DSA e EPS ai sensi dell’art. 10, comma 1, D.lgs. 28 febbraio 2021, n. 36”.

Il suo perfezionamento e il rinnovo annuale “possono essere subordinati al versamento di una quota la cui entità è individuata dal Dipartimento per lo Sport”.

Questo approfondimento è stato realizzato in collaborazione con la Dott.ssa Mimma Sgrò.

Tutto Non Profit © riproduzione riservata, MOVIDA SRL

Per approfondire consultate i nostri E-Book, le Guide ed iscrivetevi alla newsletter (che tratta di temi fiscali, gestionali, amministrativi e giuridici per SSD, ASD, ETS, ODV ed APS). Account social: Facebook (Movida Studio), Twitter (Movida Studio), Instagram (Movida Studio), Linkedin (MOVIDA SRL) e YouTube (MOVIDA SRL).

(Visto 621 volte, 1 visite oggi)

Condividi su:

2 commenti

  1. Buongiorno e grazie per i vostri articoli sempre dettagliati e puntuali.
    Chiedo:
    se una asd è gia presente nel registro CONI, questa viene automaticamente iscritta anche nel nuovo registro o è necesasrio provvedere a nuova iscrizione?
    Eventulamente a chi spetta? All’ ente di riferimento o al presidente?
    Grazie

    1. Buongiorno. Le ASD già iscritte nel “vecchio” registro CONI 2.0 verranno automaticamente trasferite nel nuovo Registro Nazionale delle Attività Sportiva Dilettantistiche, continuando a beneficiare dei diritti derivanti dall’iscrizione, ma è richiesta la creazione di una nuova utenza attraverso la nuova piattaforma informatica con le modalità descritte nel regolamento (https://www.sport.governo.it/media/3685/regolamento-registro-nazionale-ex-art11-dlgs-39-26822.pdf) su richiesta della stessa ASD. Cordialità, Stefano Bertoletti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *