come si modifica lo statuto di un'associazione

Come si modifica lo statuto di un’Associazione (anche per adeguarsi alla Riforma del Terzo Settore)?

Siamo a ridosso di una svolta epocale: tutte le Associazioni infatti sono state sconvolte, chi più chi meno, dalla Riforma del Terzo Settore, che lungi dall’essere del tutto operativa, ha ancora molte carte da svelare, visto che si attendono con impazienza i numerosi decreti attuativi che dovrebbero agevolarne la piena comprensione, non solo per gli operatori degli Enti Non Profit ma anche per i loro consulenti, che dovranno aiutare i propri clienti a comprenderne fino in fondo le implicazioni e scegliere la strada più giusta e, perché no, più conveniente per gli Enti interessati dalla Riforma, che rappresentano per il nostro paese una vera e propria risorsa (non solo per le finalità ideali che li muovono, ma anche in termini di lavoro ed occupazione).

Entro quando modificare gli statuti per adeguarsi al Codice del Terzo Settore?

Una delle poche certezze che si avevano su questa Riforma riguardava il termine per la modifica degli statuti, che sarebbe scaduto il 3 agosto 2019. Con un emendamento al Decreto Crescita però, si è prorogata la deadline al 30 giugno 2020, scelta di buon senso visto che il Registro Unico Nazionale del Terzo Settore ancora non esiste.

Come si modifica lo statuto di un’Associazione? Ecco QUI la nostra guida video!

Vediamo quindi come deve procedere un’Associazione (di ogni tipo: sportiva dilettantistica, culturale e ricreativa, di promozione sociale, di volontariato oppure ONLUS) per modificare il proprio statuto (indipendentemente dalla Riforma del Terzo Settore) e quali comunicazioni obbligatorie far seguire alla variazione:
1. verificare le previsioni contenute nello statuto;
2. convocare quindi un’assemblea sociale straordinaria, che dovrà deliberare sulla proposta di modifica secondo le maggioranze stabilite nello statuto vigente in quel momento;
3. in caso di parere favorevole, tutti i soci presenti dovranno sottoscrivere il verbale di modifica insieme a due copie del nuovo statuto sociale.

Una volta approvata la modifica, per registrarlo in Agenzia Entrate, occorrerà:
1. pagare i 200 euro di imposta di registro con F23 (se dovuta);
2. comprare marche da bollo da 16 euro, nel numero di una ogni 100 righe per ciascuna delle due copie di statuto da registrare (anche in questo caso se dovute);
3. andare in Agenzia Entrate con F23 pagato, marche da bollo, modello 69 e le due copie firmate del nuovo statuto: il funzionario incaricato applicherà le marche, se dovute, e procederà con la registrazione, restituendovi una copia timbrata, che da quel momento diventerà a tutti gli effetti il nuovo statuto sociale dell’Ente.

Come procedere successivamente alla modifica dello statuto di un’Associazione?

Notificate ai soggetti interessati l’avvenuta modifica (ad esempio gli Enti di Promozione o le Federazioni Sportive per le ASD, piuttosto che i rispettivi albi per APS ed ODV o quelli ai quali si possono iscrivere le Associazioni culturali “semplici”) e non dimenticatevi di inviare il modello EAS (se necessario) entro il 31 marzo dell’anno seguente alla modifica.

Modificare lo statuto di un’Associazione è certamente più semplice a farsi che a dirsi, ma se aveste qualche dubbio ulteriore o necessità di chiarimento su questa procedura, piuttosto che su altri aspetti relativi alla gestione di un’Associazione Non Profit di qualsiasi tipo non esitate a chiedere, perché #MOVIDArisponde sempre!

Per verificare statuto e modalità gestionali adottate dal Vostro Ente proponiamo un intervento che prevede:

  • invio di questionario in formato excel via mail;
  • ricezione del questionario compilato unitamente ad una copia di statuto;
  • call conference su skype (o di persona presso di noi) dedicata all’analisi del questionario, alla gestione dell’Associazione ed alle eventuali criticità riscontrate, con verifica delle possibili soluzioni operative;
  • predisposizione, nei 5 giorni lavorativi successivi, di apposita relazione, con le prassi corrette.

Per maggiori informazioni scriveteci a info@tuttononprofit.com con oggetto “info check”.

Tutto Non Profit © riproduzione riservata

Per approfondire consultate i nostri E-Book, le Guide ed iscrivetevi alla newsletter (che tratta di temi fiscali, gestionali, amministrativi e giuridici per SSD, ASD, ETS, ODV ed APS). Account social: Facebook (Movida Studio), Twitter (Movida Studio), Instagram (Movida Studio), Linkedin (MOVIDA SRL) e YouTube (MOVIDA SRL).

(Visto 351 volte, 1 visite oggi)

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *