Pubblicati gli Enti iscritti all'Anagrafe ONLUS al via le domande per il RUNTS

Pubblicati gli Enti iscritti all’Anagrafe ONLUS: al via le domande per il RUNTS

Attraverso un comunicato stampa dello scorso 28 marzo, Agenzia delle Entrate ha pubblicato l’elenco degli iscritti all’Anagrafe delle ONLUS aggiornato al 22 novembre 2021, aprendo dunque a questi Enti la possibilità di presentare, su istanza di parte, la richiesta di iscrizione al RUNTS.

Anagrafe delle ONLUS: il funzionamento antecedente la Riforma del Terzo settore

Alcune organizzazioni (associazioni, comitati, fondazioni, società cooperative, ecc.)  erano ammesse a godere di determinate agevolazioni fiscali e di un “regime tributario agevolato” in materia di imposte sui redditi, regime IVA ed “altre imposte indirette”, se in possesso di determinati requisiti, subordinatamente all’iscrizione nell’Anagrafe delle ONLUS.

La registrazione all’Anagrafe, conseguibile a seguito di “apposita comunicazione all’Agenzia delle Entrate”, non doveva essere richiesta dalle cosiddette ONLUS di diritto, dal momento che organizzazioni di volontariato, cooperative sociali e consorzi interamente costituiti da cooperative sociali non erano tenute all’adempimento.

Con l’avvento del Terzo Settore e la sua opera di riforma del sistema, le procedure d’iscrizione all’Anagrafe risultano cessate alla data del 22 novembre 2021, “giorno antecedente l’avvio del Registro Unico del Terzo settore (RUNTS) avvenuto il 23 novembre 2021, ad eccezione dei procedimenti “di iscrizione e cancellazione pendenti a tale data”.

ONLUS: come iscriversi nel Registro Unico Nazionale del Terzo Settore?

Secondo quanto precisato dall’articolo 34 comma 3 del D.M. n. 106 del 15 settembre 2020, per il perfezionamento dell’iscrizione al RUNTS le organizzazioni inserite nell’elenco sono tenute a presentare all’ufficio territorialmente competente apposita domanda, “utilizzando la modulistica resa disponibile sul portale del RUNTS, avendo cura di indicare la sezione nella quale si desidera essere iscritti “e allegando copia dell’atto costitutivo, dello statuto adeguato alle disposizioni inderogabili del Codice, e degli ultimi due bilanci approvati.

NB: ricordiamo che sono operativi gli schemi di bilancio da adottare già in relazione al rendiconto consuntivo 2021 per gli Enti del Terzo Settore.

Entro sessanta giorni dal ricevimento dell’istanza poi, ciascun ufficio verificherà “la sussistenza dei requisiti e, in caso di esito positivo, dispone l’iscrizione nel RUNTS nella sezione prescelta”, oppure potrà richiedere “informazioni e documenti mancanti, comunicare eventuali motivi ostativi all’iscrizione, proporre l’iscrizione in una diversa sezione del RUNTS rispetto a quella richiesta”.

In assenza di pronuncia “con provvedimento espresso da parte dell’Ufficio competente del RUNTS, l’ente avrà diritto ad essere iscritto nell’area prescelta.

Le ONLUS devono iscriversi al RUNTS? Entro quando?

Sebbene sia già possibile la richiesta, fermo restando che l’inserimento nel Registro Unico Nazionale del Terzo Settore su istanza di parte implica la cancellazione dall’Anagrafe delle ONLUS (ancora operativa), le organizzazioni interessate avranno tempo sino al 31 marzo “del periodo d’imposta successivo al rilascio della prevista autorizzazione” della Commissione Europea per procedere con l’iscrizione, pena la devoluzione del proprio patrimonio limitatamente all’incremento realizzato negli esercizi in cui l’Ente è stato iscritto nell’Anagrafe delle ONLUS in vigenza del regime agevolato di cui al D. Lgs. 460/97.

Posto che la cancellazione dall’Anagrafe non comporta lo scioglimento dell’Ente (con relativo obbligo di devoluzione del patrimonio di cui sopra), allo stato attuale, a parere di chi scrive, risulta ancora consigliabile pazientare, sia perchè le ONLUS iscritte alla relativa Anagrafe possono continuare a beneficiare delle agevolazioni loro riservate, sia perchè tutti invocano nuove certezze sul fronte della futura disciplina fiscale degli Enti del Terzo Settore.

NB: gli Enti già iscritti nei registri delle Organizzazioni di Volontariato e delle Associazioni di Promozione Sociale alla data del 22 novembre 2021 non dovranno presentare alcuna richiesta di iscrizione, essendo coinvolti “in una procedura di trasmigrazione automatica”.

ONLUS e regime transitorio: quale disciplina applicare nelle more dell’iscrizione al RUNTS?

Nonostante i procedimenti di iscrizione all’Anagrafe ONLUS risultino cessati, la sua operatività fino al “periodo d’imposta successivo al rilascio della autorizzazione” da parte della Commissione Europea consente agli iscritti di continuare ad usufruire delle relative agevolazioni fiscali.

La richiesta di accreditamento nel RUNTS delle (ex) ONLUS invece, comporta il rispetto delle previsioni di cui al D. Lgs. 117/2017, ad oggi non ancora pienamente operativo vista la mancanza dell’autorizzazione europea.

Questo approfondimento è stato realizzato in collaborazione con la Dott.ssa Mimma Sgrò.

Tutto Non Profit © riproduzione riservata, MOVIDA SRL

Per approfondire consultate i nostri E-Book, le Guide ed iscrivetevi alla newsletter (che tratta di temi fiscali, gestionali, amministrativi e giuridici per SSD, ASD, ETS, ODV ed APS). Account social: Facebook (Movida Studio), Twitter (Movida Studio), Instagram (Movida Studio), Linkedin (MOVIDA SRL) e YouTube (MOVIDA SRL).

(Visto 276 volte, 1 visite oggi)

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.