Il lavoro nel mondo dello Sport: meglio conoscere con precisione prima di esprimere giudizi?

Nei giorni passati abbiamo scritto alla redazione di “repubblica.it” allo scopo di replicare ad un loro articolo dal titolo “Sottopagati e senza garanzie: l’esercito invisibile dei lavoratori nello sport“, pubblicato lo scorso 27 maggio. Non sappiamo se quanto inviato alla redazione porterà alla pubblicazione della nostra opinione (evidentemente circostanziata), motivo per cui abbiamo deciso di procedere in autonomia alla divulgazione diretta del nostro pensiero, confidando nella diffusione (ci auguriamo virale) di quanto riteniamo doveroso precisare, oltre che

Riforma del Terzo Settore: a che punto siamo?

Ad un anno di distanza dall’approvazione definitiva del testo della Legge delega di Riforma del Terzo Settore qualcosa si è mosso (nuovo servizio civile universale, approvate le prime bozze di decreti sul codice del terzo settore, sull’impresa sociale e sul cinque per mille), ma il “bello” deve ancora venire. Facciamo un po d’ordine … La legge 106 del 6 giugno 2016 sta lentamente (e finalmente) iniziando a prendere forma. Già perchè dopo l’approvazione del decreto sul servizio

È possibile detrarre le spese pagate ad un’Associazione Sportiva o ad una Società Sportiva Dilettantistica?

Quante volte un socio/iscritto vi ha domandato se può “scaricare” nella personale dichiarazione dei redditi le quote versate per l’iscrizione e l’abbonamento all’Associazione/Società Sportiva Dilettantistica? Ecco in sintesi chi, a quali condizioni e con quali documenti può detrarre le spese sportive sostenute per i figli. Accade spesso che, nonostante l’esonero dall’obbligo di rilasciare ricevuta (una fra le tante agevolazioni fiscali che caratterizzano le Associazioni/Società Sportive in regime 398/91), venga comunque richiesto dal socio/iscritto di un Centro Sportivo

Lavoro autonomo occasionale: può davvero essere un’alternativa ai voucher? (parte seconda)

Individuati i criteri di applicazione del lavoro autonomo occasionale, analizziamo la natura dei compensi corrisposti in forza di questa tipologia di collaborazione, i contributi dovuti e gli obblighi del committente ai fini fiscali: può davvero questo rapporto di lavoro sostituire i voucher? Definiti i requisiti per inserire un rapporto di collaborazione nell’alveo del “lavoro autonomo occasionale” (chi avesse bisogno di un refresh trova QUI il nostro ultimo articolo specifico), occorre a questo punto un ulteriore passo in

Lavoro autonomo occasionale: ecco tutto quello che c’è da sapere! (parte prima)

L’improvvisa (e forse prematura) dipartita dei voucher obbliga gli operatori del Non Profit (e non solo …) a vagliare ogni alternativa possibile: analizziamo quindi tecnicamente tutte le peculiarità ed i requisiti del lavoro autonomo occasionale, per definire quando ed a quali condizioni sia applicabile da parte di un’Associazione o Società Sportiva Dilettantistica. Le prestazioni di “lavoro” vengono suddivise dal codice civile in due macro categorie: quella del “lavoro subordinato” (disciplinata dal libro V, titolo II, artt. 2094

Diritti connessi al diritto d’autore per la diffusione della musica: quando e perchè il compenso è dovuto

Un’Associazione (sportiva o culturale) o una Società Sportiva che paghi la SIAE (che tutela il diritto d’autore) … deve pagare anche SCF (che tutela i diritti connessi)? E che cosa sono questi “diritti connessi”? Cerchiamo di chiarire “se” e “per che cosa” il pagamento sia dovuto … Il tema dei diritti connessi al diritto d’autore è stato da noi oggetto di approfondimento, l’ultima volta, in occasione della pubblicazione in G.U. del 10.03.15 del DPCM intitolato “Determinazione della

XV Convegno Nazionale ANG&OS, 21 aprile 2017, Hotel Villa Glicini c/o San Secondo di Pinerolo (TO) #SAVETHEDATE

Come superare la “prematura dipartita” dei voucher: quali le alternative percorribili? Come progettare un impianto sportivo che sia al contempo bello e funzionale/efficiente? È possibile assicurare un evento sportivo o una campagna promozionale? Questo, e moltissimo altro, al prossimo convegno nazionale ANG&OS! I temi in agenda, caldi per non dire caldissimi, meritano di ritagliarsi un pomeriggio: quanti di Voi, infatti, non vedono l’ora di avere le idee chiare per comprendere se e come sia possibile rimpiazzare i

5 per 1000, tutte le novità 2017: iscrizione “una tantum” ed elenco permanente

Iscrizione automatica agli elenchi del “cinque per mille 2017” per tutti gli Enti già correttamente iscritti nel 2016 ed elenco permanente (in continuo aggiornamento) di tutti gli aventi diritto ad accedere al beneficio: queste le novità introdotte dal D.P.C.M. del 7.7.16 e chiarite dalla circolare di Agenzia Entrate n. 5/E del 31 marzo scorso. Non è piccola la “rivoluzione” che riguarda l’istituto del cinque per mille 2017, ribadita da Agenzia Entrate con la circolare 5/E del 31

Voucher addio! Soppresso il lavoro accessorio anche per gli Enti Non Profit … e ora?

Da sabato (18 marzo) non sono più acquistabili nuovi voucher per regolarizzare i rapporti di lavoro occasionale: il D. L. 25/2017 ha ufficialmente abolito l’istituto, gettando nel panico (alcuni) e nello sconforto (altri) molti operatori di Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche. A dispetto delle voci circolate negli ultimi giorni, che ipotizzavano un “ridimensionamento” della disciplina dei voucher (con nuovi limiti e restrizioni) per combatterne gli abusi, il Consiglio dei Ministri ha invece deciso di approvare un Decreto

Spesometro 2017 (e 2018?) per Associazioni ed Enti Non Profit: ecco cos’è cambiato!

Adempimento semestrale per il 2017 e trimestrale dal 2018 per tutti gli Enti Non Commerciali (Associazioni e Società Sportive) titolari di partita IVA: ecco tutte le novità del “nuovo” spesometro! Ci eravamo lasciati lo scorso marzo con l’articolo “Spesometro 2016 per Associazioni ed Enti Non Profit: ecco tutto quello che c’è da sapere!“: lì avevamo segnalato tutte le indicazioni utili per non farsi trovare impreparati all’adempimento, in scadenza il prossimo 20 aprile. A meno di un anno