Contributi a fondo perduto per ASD/SSD: dal 19 giugno al via le richieste

Attraverso la comunicazione aggiornata in data 19 giugno, il Dipartimento per lo Sport ha reso nota la possibilità per ASD ed SSD iscritte al Registro Nazionale delle Attività Sportive Dilettantistiche alla data del 24 marzo 2023, di richiedere i contributi a fondo perduto per:

  • “gestori di impianti sportivi (risorse a disposizione 58 milioni di euro);
  • gestori di impianti natatori (risorse a disposizione 67 milioni di euro)”.

Nuove risorse a sostegno di ASD/SSD

Secondo quanto dichiarato dal Ministro per lo Sport Abodi, le risorse contribuiranno “ad alleviare le difficoltà quotidiane” che ASD ed SSD “hanno vissuto e stanno vivendo”, fornendo “nuova energia”, tenuto conto del valore dello sport quale fattore fondamentale per la promozione del benessere e il   miglioramento della qualità della vita dei cittadini e della comunità nazionale” e del suo “ruolo centrale nella tutela della salute, fisica e mentale, delle persone che lo praticano”.

Contributi a fondo perduto per ASD/SSD: come fare richiesta? Entro quando?

“A partire dalle ore 12:00 del 19 giugno e per i successivi 30 giorni, tramite la nuova piattaforma messa a disposizione dal Dipartimento, sarà possibile presentare istanza secondo quanto stabilito dal decreto di riparto del Ministro per lo Sport e i Giovani di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze del 24 marzo 2023” (articoli 3 e 4).

Al fine di “facilitare le domande e velocizzare i processi di pagamento”, si precisa che “le richieste dovranno essere presentate unicamente tramite la nuova piattaforma, raggiungibile all’indirizzo https://avvisibandi.sport.governo.it/, posto che “non saranno prese in considerazione” le istanze inviate con altre modalità.

Contributi a fondo perduto per ASD/SSD: impianti sportivi

Dalle ore 12:00 del 19 giugno, ASD ed SSD, “diverse da quelle che gestiscono impianti natatori”, iscritte al Registro Nazionale delle Attività Sportive Dilettantistiche “alla data di emanazione del decreto” e che gestiscono impianti sportivi, hanno facoltà di inoltrare la richiesta per accedere al contributo.

Vista l’attivazione della piattaforma dedicata, “le domande non dovranno essere trasmesse via pec, ma inserite nella piattaforma dipartimentale, raggiungibile al link https://avvisibandi.sport.governo.it/ e presentate secondo quanto stabilito dall’art. 4 del “decreto di riparto del Ministro per lo Sport e i Giovani di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze del 24 marzo 2023”.

Da qui è possibile accedere alla pagina dedicata.

Contributi a fondo perduto per impianti natatori

Sempre dalle ore 12:00 del 19 giugno, ASD ed SSD, “che hanno per oggetto sociale anche gestione di impianti natatori, come previsto dall’articolo 3 del decreto di riparto del Ministro per lo Sport e i Giovani di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze del 24 marzo 2023”, possono fare richiesta di contributo.

A partire dalla data di pubblicazione “decorrono i 30 giorni di tempo per la presentazione delle istanze”, tenuto conto le domande:

  • dovranno essere presentate tramite la piattaforma del Dipartimento per lo Sport, “disponibile all’indirizzo https://avvisibandi.sport.governo.it/;
  • verranno “poi sottoposte all’istruttoria degli organismi sportivi affilianti e del Dipartimento”.

I criteri per la determinazione e i documenti da allegare sono gli stessi indicati nel D.P.C.M. 10 giugno 2022.

ASD ed SSD beneficiarie del contributo per la gestione di impianti natatori ai sensi del citato D.P.C.M. 10 giugno 2022, saranno tenute comunque ad effettuare l’accesso sulla piattaforma; una volta registrate, avranno la possibilità:

  • “di confermare i dati già in possesso dell’amministrazione, con conseguente erogazione dello stesso contributo già ricevuto a novembre del 2022, salvo rideterminazioni proporzionate a causa dell’eccesso di richieste rispetto al budget stanziato”;
  • “qualora anche solo uno degli elementi caratterizzanti la domanda sia mutato rispetto a quanto dichiarato nel 2022, andrà compilata una nuova domanda”.

In caso di istanza presentata “per ottenere il contributo per i gestori di impianti natatori” non è possibile “presentare analoga istanza per il contributo per i gestori di impianti sportivi di cui all’articolo 4 del dpcm 24 marzo 2023”.

Da qui è possibile accedere alla pagina dedicata.

Tutto Non Profit © riproduzione riservata, MOVIDA SRL

Per approfondire consultate i nostri E-Book, le Guide ed iscrivetevi alla newsletter (che tratta di temi fiscali, gestionali, amministrativi e giuridici per SSD, ASD, ETS, ODV ed APS). Account social: Facebook (Movida Studio), Twitter (Movida Studio), Instagram (Movida Studio), Linkedin (MOVIDA SRL) e YouTube (MOVIDA SRL).

Condividi su:

(Visto 708 volte, 1 visite oggi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *