Definizione e ruolo dei componenti il Consiglio Direttivo di una Associazione

DOMANDA: Sto cercando urgentemente di capire quali sono i ruoli all’interno di un’Associazione. Esempio: Presidente: potere del presidente, specifica del ruolo ecc.
Vice presidente: potere del vice presidente, specifica del ruolo ecc.
I consiglieri: potere dei consiglieri, specifica del ruolo ecc.

RISPOSTA: Il Presidente è il legale rappresentante dell’Associazione di fronte a terzi e in giudizio e dispone del potere di firma sociale; convoca e presiede il Consiglio Direttivo e ne esegue le deliberazioni; è responsabile del funzionamento dell’Associazione e degli atti amministrativi compiuti in nome e per conto dell’Associazione stessa; coordina lo svolgimento delle manifestazioni e dell’attività. Nel caso di assenza e/o impedimento è sostituito nelle sue funzioni dal Vicepresidente.

Il Consiglio Direttivo esercita solitamente le seguenti funzioni:
– cura il raggiungimento dei fini per cui è stata costituita l’Associazione attraverso l’ordinaria amministrazione (la straordinaria amministrazione è in capo all’assemblea dei soci);
– attua le deliberazioni dell’Assemblea;
– delibera sulle domande di ammissione di nuovi Soci;
– predispone il rendiconto economico – finanziario preventivo e consuntivo da presentare all’Assemblea riferendo sull’attività svolta e su quella in programma;
– stabilisce le quote che i Soci debbono versare annualmente a seconda delle esigenze sociali, dell’attività svolta e delle condizioni finanziarie dell’ente;
– designa eventuali collaboratori tecnici preposti alle varie attività sociali.

Tutto Non Profit © riproduzione riservata – VOLETE SAPERNE DI PIÙ? Consultate le nostre Guide (cliccando QUI) e richiedete un aggiornamento periodico e approfondito sulle tematiche gestionali e giuridico-fiscali di tutti gli Enti non Profit (ASD, OdV,ONLUS, APS, SSD, …) cliccando QUI.

(Visited 18.265 times, 3 visits today)

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

45 commenti

  1. Vorrei avere una delucidazione sui ruoli per una No Profit Culturale Musicale. Nello specifico, Il Presidente ed il Vice Presidente, possono ricoprire anche altri ruoli all'interno della stessa associazione? (ad es VicePresidente e Direttore Artistico) Grazie.

  2. Salve vorrei porvi il seguente quesito. faccio parte di una associazione la quale è composta da un presidente vice presidente consigliere è una serie di soci.il Vicè presidente e il consigliere hanno responsabilità legale, o è soltanto il presidente ad averla? Inoltre è possibile suddividere la responsabilità legale in equa parte a ciascun socio?

  3. Buona sera,
    Vorrei porle una questione , in caso di impedimento del presidente,può il vice presidente firmare i documenti? Sarebbe legalmente valido? Dove potrei trovare le normative che regolano tutte queste funzioni?
    Grazie

    1. Buongiorno. Uno statuto redatto "a regola d'arte" dovrebbe disporre che in caso di impedimento del Presidente assume le Sue funzioni temporaneamente il Vicepresidente. Gli atti sottoscritti risultano dunque validi in forza dele disposizioni statutarie ed impegnano l'Ente. Cordialità, Stefano Bertoletti

  4. Buongiorno, è possibile per una associazione culturale limitare i poteri del consiglio a livello statutario e demandare talune decisioni all'assemblea? esempio: fissare un tetto massimo di spesa per singola operazione oltre 5.000 Euro. grazie per la risposta.

    1. Buongiorno. Il Consiglio Direttivo non può che essere statutariamente autorizzato a curare l'ordinaria amministrazione dell'Ente; la straordinaria è invece compito dell'assemblea sociale, la quale se ritiene potrà meglio definire i limiti di operato dell'Organo Direttivo. Cordialità, Stefano Bertoletti

  5. Salve, in una Associazione,quali provvedimenti si possono prendere nei confronti di un presidente che gestisce e approva progetti senza la delibera del restante Consiglio Direttivo e nonostante i vari richiami.Grazie

    1. Buongiorno. Premessa la necessità di verificare le previsioni statutarie in materia, è possibile che il Consiglio Direttivo convochi un'assemblea sociale avente all'ordine del giorno la disamina dei citati profili funzionale all'individuazione di soluzioni operative specifiche. Cordialità, Stefano Bertoletti

  6. Salve. In un'associazione non profit generica, può il Consiglio Direttivo (composto da 3 membri) nominare un segretario esterno al Consiglio e/o all'associazione stessa che rediga i verbali delle riunioni del consiglio e le sottoscriva unitamente al presidente quando queste si svolgono con la modalità di teleconferenza(skype o similari) mentre i soci appongono la loro firma elettronica (intesa come acquisizione digitale della firma autografa) se questa modalità è prevista dallo statuto? Grazie

    1. Buongiorno. Come può un "non socio" parteciapre alle riunioni di consiglio direttivo di un'associazione? A che titolo vi potrebbe prendere parte? Riterrei complesso poterne sostenere una partecipazione legittima… Cordialità, Stefano Bertoletti

  7. Buongiorno,
    vorrei sapere quale può essere la dicitura migliore da riportare nello statuto per "contenere "il ruolo del Vice presidente.
    E' possibile non mettere questa figura o fare in modo che a turno i consigliere assumono questa carica? o quale altro tipo di formula può consigliare da inserire nello statuto per sostituire il Presidente in caso di impedimento?

    1. Buongiorno. Premesso che negli Enti senza finalità di lucro di tipo associativo la responsabilità è in capo a coloro che agiscono in nome e per conto dell'Ente stesso (qui il nostro ultimo approfondimento in materia http://www.tuttononprofit.com/2016/06/enti-non-profit-senza-personalita-giuridica-quali-responsabilita-consiglio-direttivo-presidente.html), la prerogativa specifica del Vice Presidente è semplicmente quella di sostituire il Presidente in caso di impedimento di quest'ultimo, senza poteri o prerogative ulteriori. Il suggerimento, pertanto, è dunque quello di prevedere una figura come questa. Cordialità, Stefano Bertoletti

  8. Buongiorno, una domanda, può in una ASD il vice presidente essere anche il Segretariocassiere della stessa o devono essere per forza due persone fisiche diverse? grazie

    1. Buongiorno. Questo il dettato del comma 18 bis della legge 289/2002: "E' fatto divieto agli amministratori delle societa' e delle associazioni sportive dilettantistiche di ricoprire la medesima carica in altre societa' o associazioni sportive dilettantistiche nell'ambito della medesima federazione sportiva o disciplina associata se riconosciute dal CONI, ovvero nell'ambito della medesima disciplina facente capo ad un ente di promozione sportiva". Nulla osta, pertanto, all'ipotesi che il Vice Presidente rivesta altresì la carica di Segretario o tesoriere dell'Ente. Cordialità, Stefano Bertoletti

  9. buongiorno sono il presidente di una associazione, il vicepresidente vuole dimettersi.. può farlo e in che modo? e posso nominare un nuovo vicepresidente?

    1. Buongiorno. Premessa la necessità di verificare le disposizioni statutarie in caso di dimissioni di un componente del Consiglio Direttivo (http://www.tuttononprofit.com/2015/06/10-regole-che-non-possono-mancare-nello-statuto-di-una-associazione.html), e posto altresì che le dimissioni possono essere presentate in qualsiasi modalità (meglio se scritta, meglio se a mezzo raccomandata o PEC), per la corretta gestione dell’Associazione occorre a quel punto procedere alla convocazione di un’assemblea sociale straordinaria avente all’ordine del giorno l’elezione di un nuovo Vice Presidente/Consiglio Direttivo, non essendo possibile procedere ad una nomina diretta. Cordialità, Stefano Bertoletti

  10. Salve, vorrei sapere se può il vice presidente di una associazione culturale ricoprire anche il ruolo di tesoriere? e puo il presidente ricoprire anche il ruolo di direttore artistico?

    1. Buongiorno. Salvo che lo statuto non si esprima espressamente sul punto in maniera difforme, nulla osta all’ipotesi che il Presidnete ricopra altresì il ruolo di Tesoriere e Direttore Artistico. Cordialità, Stefano Bertoletti

  11. Salve. Nello statuto della nostra associazione culturale è prevista la figura del segretario/tesoriere nella medesima persona. E’ possibile suddividere i due ruoli ed assegnarli a due persone diverse (sempre membri del consiglio direttivo ovviamente) senza modificare lo statuto? Magari inserendo nel regolamento interno una disposizione ad hoc? Grazie.

    1. Buongiorno. Sarebbe opportuno verificare nel dettaglio la disposizione statutaria per verificarne l’obbligatorietà o meno. Non è infatti possibile contravvenire ad una disposizione obbligatoria contenuta in statuto ma è invece possibile porre in essere prassi che consentano una gestione maggiormente trasparente e democratica dell’Ente (http://www.tuttononprofit.com/2016/04/disciplina-uniforme-del-rapporto-associativo-in-una-associazione-non-profit-cosa-significa.html). Cordialità, Stefano Bertoletti

      1. Buongiorno. Ad integrazione del quesito che ho posto ieri in un articolo dello statuto viene riportato testualmente questo: “Il Consiglio Direttivo elegge nel proprio seno il Presidente, il Vice Presidente ed il Segretario Tesoriere che rimangono in carica per la durata dello stesso.” Successivamente: “Il Consiglio Direttivo è investito dei più ampi poteri d’ordinaria e straordinaria
        amministrazione e può delegare i propri poteri ad uno o più Consiglieri ed in genere: promuove l’attività associativa, delibera sull’ammissione e sull’esclusione dei soci, approva il rendiconto economico da sottoporre all’Assemblea, ecc….”.

        1. Buongiorno. Premesso che non è in alcun modo possibile che i poteri di straordinaria amministrazione spettino al Consiglio Direttivo, essendo questi di competenza esclusiva dell’organo sovrano dell’Ente (ossia dell’assemblea sociale), stando a quanto indicato è legittimo scindere la carica di Segretario/Tesoriere essendo possibile delegare “i propri poteri ad uno o più Consiglieri”. Cordialità, Stefano Bertoletti

          1. Grazie della risposta e complimenti per questo portale, davvero utile. Buon lavoro e continuate così.
            P.S. Giusta la Sua osservazione in merito ai poteri di straordinaria amministrazione.

    1. Buongiorno. Premesso che in un’associazione non riconosciuta costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del Codice Civile in termini di responsabilità la norma di riferimtno è l’art. 38 dello stesso Codice, che stabilisce che “Per le obbligazioni assunte dalle persone che rappresentano l’associazione i terzi possono far valere i loro diritti sul fondo comune. Delle obbligazioni stesse rispondono anche personalmente e solidalmente le persone che hanno agito in nome e per conto dell’associazione”, segnalo un nostro articolo specifico sul punto: http://www.tuttononprofit.com/2016/06/enti-non-profit-senza-personalita-giuridica-quali-responsabilita-consiglio-direttivo-presidente.html. Cordialità, Stefano Bertoletti

  12. Buonasera, ho alcune domande:
    – In un’associazione, la segretaria può essere un socio che non fa parte del Consiglio Direttivo?
    – I consiglieri comunicano tramite e-mail e la segretaria viene messa sempre in conoscenza, è corretto?
    – Il Presidente che poteri ha? può avere la lista dei soci iscritti (la segretaria non glieli vuole consegnare/inviare)? può scrivere una lettera diretta ai soci senza che questa sia preventivamente approvata dal Consiglio?
    – Se la maggioranza dei Consiglieri non approva più l’operato del Presidente, lo ritiene “inadatto”, anche se in realtà sono loro che si comportano in modo scorretto nei confronti dei soci (ad es.: omettono alcuni aspetti importanti nei verbali di Consiglio, che inviano ugualmente ai soci, approvandoli a maggioranza, senza l’ok del Presidente; non approvano l’iscrizione di rinnovi di tesseramenti senza voler dare spiegazioni (cosa prevista nello statuto, ma che sta creando problemi)); il Presidente l’unica cosa che può fare è dimettersi?
    grazie mille

    1. Buongiorno. Premesso che per rispondere ai quesiti posti è indispensabile un’approfondita analisi dello statuto sociale dell’Ente, e ciò al fine di individuare, ad esempio, i compiti del Presidente piuttosto che le modalità di dimissione (o di richiesta di dimissione) dello stesso, relativamente al primo aspetto è indispensabile comprendere se la “segretaria” da Lei così definita si riferisca alla mansione svolta della stessa (per la quale pertanto è stata assunta) oppure se alla carica rivestita nel Consiglio Direttivo: va da sè che in questa seconda ipotesi la stessa non potrebbe non essere socia dell’Ente (come potrebbe infatti un “amministratore” di un ente di tipo associativo non essere socio dello stesso?). Quanto infine al Presidente, i cui compiti sono definiti, come detto, nello statuto sociale, lo stesso ha la legale rappresentanza dell’Ente, essendo dunque legittimato a “spendere” il buon nome dell’Ente stesso, ovviamente nel rispetto dei principi di trasparenza, democraticità ed uguaglianza che devono caratterizzare tutti gli Enti di tipo associativo (http://www.tuttononprofit.com/2016/04/disciplina-uniforme-del-rapporto-associativo-in-una-associazione-non-profit-cosa-significa.html). Qualora ritenesse opportuno un supporto più specifico (che necessariamente dovrà entrare nel dettaglio dell’Ente e della sua gestione) resto con piacere a disposizione. Cordialità, Stefano Bertoletti

      1. Buongiorno a lei e grazie dell’attenzione. Cerco di essere più chiaro.
        1 – Per “segretaria” intendevo la figura/carica svolta. In questo caso la “segretaria” è una socia (non assunta), che non è stata eletta dai soci in Assemblea per far parte del Consiglio Direttivo, ma di fatto ne fa parte, perchè partecipa alle riunioni e allo scambio di informazioni tramite email (l’indirizzo letto dalla segretaria “info@…” viene messo sempre per conoscenza nelle comunicazioni dei componenti il CD. Il ruolo di “segretaria/o” dovrebbe essere ricoperto da un componente del Consiglio (almeno nello statuto è previsto questo), ma alla maggioranza dei consiglieri va bene così e quindi rimane lei. La minoranza dei consiglieri come può far valere questa previsione statutaria? la maggioranza del CD sta facendo da “scudo”…
        2 – Sempre la “segretaria” ha la lista dei soci (le richieste di tesseramento arrivano all’indirizzo mail letto da lei “info@…”). Il Consiglio Direttivo e, più in particolare il Presidente, non ha il diritto di avere la lista dei soci dell’associazione? sempre la maggioranza del CD che fa da “scudo” sembra invece di averla a disposizione.
        3 – Per quanto riguarda il Presidente, lo Statuto sicuramente è un po’ mancante..nel senso che non specifica in modo chiaro vari aspetti, tra i quali anche il ruolo del Presidente, per cui viene scritto “rappresenta e ha firma legale dell’associazione. Sovrintende e coordina l’ordinaria amministrazione.” Quindi probabilmente su questo aspetto riesco ad essere poco chiaro.

        Grazie ancora tantissimo e complimenti per il portale!

        1. Buongiorno. Un socio (che abbia acquisito correttamente detta qualifica http://www.tuttononprofit.com/2015/11/procedura-di-ammissione-socio-controllate-lo-statuto-della-associazione.html) che non venga espressamente eletto come componente del consiglio direttivo NON può essere ritenuto un membro dello stesso: la loro nomina, infatti, rappresenta necessariamente un compito dell’assemblea dei soci, che non può essere demandato ad altri organi/persone. Allo stesso modo trovo per coì dire “curioso” che la segretaria sia a conoscenza dei soci dell’Ente, mentre il Presidente, direttivo no: trattasi di associazione vera o di chissà cos’altro? Quanto al Presidente, infine, lo stesso ha sì la legale rappresentanza dell’Ente, ma deve essere allo stesso modo garante della corretta gestione dell’Ente stesso, sia per il rispetto dei requisiti formali/sostanziali sia per le procedure e le modalità gestionali adottate. Cordialità, Stefano Bertoletti

          1. Grazie.
            Non voglio abusare oltre della sua disponibilità.
            si tratta di un’associazione che purtroppo sta avendo dei problemi nella gestione..il vecchio consiglio è caduto e sono andati a formare il CD altri soci che avevano ricevuto più voti, che però si stanno comportando in modo “discutibile”, tanto da creare molto scompiglio tra gli associati.. io e altri due che facciamo parte della minoranza del consiglio non sappiamo come fare per riportare sulla giusta strada l’associazione e fare il bene e l’interesse dei soci.

          2. A fronte di quanto indicato riterrei opportuno che verificaste le previsioni statutarie per comprendere i termini ed i modi di una convocazione spontanea di assemblea sociale, in occasione della quale porre all’attenzione di tutti gli intervenuti le problematiche riscontrate e di conseguenza individuare come provi rimedio. Cordialità, Stefano Bertoletti

    1. Buongiorno. I compiti e le reponsabilità del Tesoriere di una ONLUS è opportuno che siano indicati nello statuto dell’Ente stesso, precisando in ogni caso che in un’associazione la responsabilità è in capo a coloro che agiscono in nome e per conto dell’Ente stesso, spendendone il nome (ai sensi dell’art. 38 del codice civile): http://www.tuttononprofit.com/2016/06/enti-non-profit-senza-personalita-giuridica-quali-responsabilita-consiglio-direttivo-presidente.html. Cordialità, Stefano Bertoletti

  13. Buonasera. Vorrei chiedere se il presidente di una onlus può ricoprire anche l’incarico di segretario e tesoriere della stessa. Grazie

    1. Buongiorno. Occorre, sul punto, verificare le previsioni statutarie dell’Ente per comprendere se le cariche in questione possano essere esercitate anche dal Presidente. Cordialità, Stefano Bertoletti

  14. Buongiorno, la legge parla di incompatibilità per gli amministratori di una asd a ricoprire la stessa carica in altra asd affiliata alla stessa federazione o disciplina sportiva. Questo vuol dire che tutto il consiglio direttivo non può avere lo stesso ruolo? Nel mio caso specifico il problema riguarda un consigliere. Grazie

    1. Buongiorno. Questo il dettato dell’art. 90 (disposizioni per l’attività sportiva dilettantistica) della legge 289/2002: “E’ fatto divieto agli amministratori delle società e delle associazioni sportive dilettantistiche di ricoprire la medesima carica in altre società o associazioni sportive dilettantistiche nell’ambito della medesima federazione sportiva o disciplina associata se riconosciute dal CONI, ovvero nell’ambito della medesima disciplina facente capo ad un ente di promozione sportiva”. La norma si riferisce agli “amministratori” in generale, motivo per il quale si ritiene che riguardi l’intero organo di amministrazione dell’Ente. Cordialità, Stefano Bertoletti

  15. Salve, vorrei sapere se il tesoriere di un associazione (con Partita Iva), che ha come oggetto sociale la promozione dell’artigianato locale, oltre gli obblighi di tenere la contabilità e gestire il patrimonio dell’associazione ha responsabilità (civili e/o penali) e quali.
    Grazie mille in anticipo

    1. Buongiorno. Negli Enti di tipo associativo non riconosciuti (e pertanto costituiti ai sensi degli articoli 36 e seguenti del Codice Civile) i profili inerenti la responsabilità sono disciplinati dall’articolo 38 del codice civile, il quale stabilisce che: “Per le obbligazioni assunte dalle persone che rappresentano l’associazione i terzi possono far valere i loro diritti sul fondo comune. Delle obbligazioni stesse rispondono anche personalmente e solidalmente le persone che hanno agito in nome e per conto dell’associazione”. Segnaliamo in proposito un nostro specifico articoli di approfondimento http://www.tuttononprofit.com/2016/06/enti-non-profit-senza-personalita-giuridica-quali-responsabilita-consiglio-direttivo-presidente.html. Cordialità, Stefano Bertoletti

  16. Buongiorno.
    È possibile in un’associazione di promozione sociale portare in Assemblea dei soci la proposta per votare l’aggiunta di un membro al Consiglio Direttivo? C’è un socio che vorrebbe entrare a far parte del Consiglio e Consiglio e Presidente sono ben contenti di avere una risorsa in più. In rete ho solo trovato indicazioni sulla modifica del Consiglio per dimissioni o subentro, niente che parli di aggiunta. Il nostro Statuto non dice niente a riguardo.
    Grazie anticipatamente

    1. Buongiorno. Premessa la necessità di verificare se l’inserimento di un nuovo componente nel Consiglio Direttivo rispetti le previsioni statutarie relativamente al numero dei membri che possono far parte di detto organo, le associazioni sono regolate da liberi patti tra soci, ed in funzione di essi, se lo statuto nulla di contrario stabilisce in proposito, si può immaginare di far passare al vaglio dell’assemblea sociale l’ipotesi si inserimento di un nuovo componente del CD. Cordialità, Stefano Bertoletti