Iscriviti alla nostra newsletter!

martedì 8 settembre 2015

Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche: ecco le contestazioni più ricorrenti nei PVC!

Cari lettori, come potete leggere dal titolo questo post si rivolge in maniera principale a tutti i gestori di Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche. Tutti gli altri però non disperino, perchè con il giusto “spirito critico” questo può rappresentare nei fatti un fondamentale strumento di auto-verifica anche per tutte le altre realtà non profit (tra cui le associazioni culturali, di promozione sociale, ONLUS, ...), le quali come sapete hanno con le A.S.D./S.S.D. in comune una buona parte di adempimenti obbligatori. Cerchiamo pertanto di evidenziare gli elementi tipici che gli accertatori sono soliti analizzare in sede di accesso presso un Ente non commerciale (come detto molte richieste valgono anche per le associazioni non sportive, tralasciando per esse gli obblighi prettamente “sportivi”, come ad esempio l’iscrizione al registro CONI).

immagine Tutto Non Profit Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche: ecco le contestazioni più ricorrenti nei PVC!

Attività di verifica
omessa/tardiva iscrizione al registro CONI (solo sportive)
irregolarità/omessa registrazione atto costitutivo e statuto
omesso/tardivo invio modello EAS
eventuale superamento del plafond di euro 250.000,00 per gli Enti non profit in regime “398/1991”
omessa numerazione delle fatture di acquisto e delle spese sostenute
omessa/irregolare convocazione delle assemblee e della pubblicità delle decisioni
omessa/irregolare tenuta del registro IVA e/o della contabilità e/o delle procedure di rendicontazione
superamento della soglia di esenzione di euro 7.500,00 per indennità sportive con mancato assoggettamento a ritenuta (solo per le associazioni e società sportive)
omesso/irregolare invio del modello 770 per compensi erogati
omesso/irregolare invio del modello UNICO

Quali possono essere i fattori presuntivi in base ai quali gli accertatori possono essere portati a ritenere che l’Ente non commerciale accertato non possa godere delle agevolazioni fiscali per questo previste?
rappresentante legale comune con Enti/Società commerciali a detto Ente collegati
assenza di democraticità nella gestione dell'Ente con potere decisionale nelle mani di uno/pochi 
strumenti e tecniche comunicative di tipo marcatamente commerciale

Quali possono essere i fattori determinanti a conferma di una marcata gestione commerciale?
tipologia e contenuti pubblicitari
tecniche di vendita 
offerte promozionali aggressive
procacciatori di affari
scontistica estrema

Quali possono essere le ulteriori indagini e verifiche poste in essere dagli accertatori?
verifica dei contenuti e delle modalità di tenuta dei libri verbali
“turn over” componenti dell’organo direttivo
numero di frequentatori desumibile da schedari e/o files memorizzati sul sistema informatico
reale potenzialità degli impianti
effettiva certificazione medica per Enti sportivi (problematica di natura non fiscale ma dai rilievi non trascurabili, come chiarito qui)
esistenza di eventuali attività collaterali commerciali di rilevanza prioritaria rispetto allo scopo sociale non lucrativo (bar, ristorante, servizi wellness, estetica, vendita abbigliamento, …)

Sapevate già tutto o vi siete persi per strada qualche pezzo? Avete necessità di verificare la gestione della vostra Associazione? In caso affermativo abbiamo ideato un check fatto apposta per Voi! L'intervento proposto prevede: 
- invio da parte nostra via mail di apposito questionario in formato excel; 
- trasmissione sempre a mezzo mail del questionario compilato unitamente ad una copia di statuto; 
- call conference su skype dedicata all’analisi del questionario, della gestione dell'Associazione ed alle eventuali criticità riscontrate, con verifica delle possibili soluzioni operative; 
- predisposizione, nell’arco dei 5 giorni lavorativi successivi alla call, di apposita relazione corredata dall’indicazione delle corrette modalità gestionali.
Per maggiori informazioni sul check, cliccate QUI mettendo come oggetto "info check".
 

 © riproduzione riservata

Volete sapere di più? Consultate le nostre guide (cliccando QUI) e richiedete un aggiornamento periodico e approfondito sulle tematiche gestionali e giuridico-fiscali di tutti gli Enti non Profit (ASD, OdV, ONLUS, APS, SSD,...) cliccando QUI. 

Per restare aggiornati sugli altri articoli e sui nostri interventi, occorre cliccare su "ricevi le notifiche" nella pagina di facebook di Tutto non profit dopo aver cliccato su "Mi piace"

 
Per iscriverVi alla nostra newsletter gratuita inserire la Vostra mail in alto 

Stefano Bertoletti stefano@movidastudio.it

Su Facebook: Equipe Movida e Tutto Non Profit
Su Twitter: @EquipeMovida
Su Google+: Tutto Non Profit
Su Linkedin: Equipe Movida

2 commenti:

  1. Come "offerte promozionali aggressive" può essere considerata anche un'eventuale collaborazione con Groupon per un singolo corso che fatica a partire? Siamo nell'ambito di un'Associazione Culturale che propone yoga, meditazione, bioenergetica,...
    Grazie,
    Sarah Cervellati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Sarah. Al di là dei supporti comunicativi utilizzati, è fondamentale che questi siano coerenti con la ragione sociale del soggetto che li produce. Groupon è certamente "aggressivo" come strumento, poichè punta sul prezzo estremamente basso delle proprie offerte, ma al di là di ciò conta soprattutto cosa viene scritto nel deal e quale sarà la logica comunicativa utilizzata. Per approfondire il tema Le segnalo due articoli da noi porodotti sul tema della corretta comunicazione di un'Associazione (Le consiglio di copiare/incollare i link sul browser sul quale sta navigando: http://www.tuttononprofit.com/2014/03/pubblicita-per-le-associazioni-non-profit.html e http://www.tuttononprofit.com/2014/10/puo-una-associazione-non-profit-farsi-pubblicita-ecco-risposta-dei-giudici.html). Cordialità, Stefano Bertoletti

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...