Obbligo di green pass per lavoratori e volontari di palestre e associazioni culturali

Obbligo di green pass per lavoratori e volontari di palestre e associazioni culturali

Dopo la conversione in Legge (n. 126/2021) del Decreto che ha introdotto l’obbligo del green pass per palestre, piscine ed associazioni culturali (n. 105/2021), il Consiglio dei Ministri ha recentemente varato l’ennesimo provvedimento rivolto ai lavoratori ed ai volontari per assicurare “lo svolgimento in sicurezza del lavoro pubblico e privato mediante l’estensione dell’ambito applicativo della certificazione verde COVID-19 e il rafforzamento del sistema di screening”. Già presentato in conferenza stampa, il D.L. n. 127/2021 allarga le maglie

Green pass obbligatorio per palestre, piscine ed associazioni (culturali e sportive)

Green pass obbligatorio per palestre, piscine ed associazioni (culturali e sportive)

Su proposta del Premier Draghi e del Ministro della Salute Speranza, il Consiglio dei Ministri ha approvato lo scorso 23 luglio il Decreto Legge n. 105, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 175 dello stesso giorno, contenente l’obbligo di green pass nel novero delle “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e per l’esercizio in sicurezza di attività sociali ed economiche“, con l’obiettivo di scongiurare nuove chiusure, molto probabilmente dalle conseguenze irrimediabili per i settori che ne

Riaperture anticipate per lo sport e le associazioni culturali

Riaperture anticipate per lo sport e le associazioni culturali

L’abbassamento della curva epidemiologica ed i dati delle ultime settimane hanno indotto il Governo ad accelerare le riaperture previste per le prossime settimane, sia per quanto riguarda il mondo dello sport (al chiuso) sia, finalmente, indicando una data anche per le attività delle associazioni culturali. In attesa della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Legge, vediamo le novità di interesse per Associazioni Sportive, Società Sportive Dilettantistiche, Enti del Terzo Settore (Associazioni di Promozione Sociale ed Organizzazioni di

Due per mille Associazioni culturali: requisiti e modalità di iscrizione

Due per mille Associazioni culturali: requisiti e modalità di iscrizione

Il testo del decreto attuativo di destinazione del due per mille alle associazioni culturali è ad oggi ancora in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, ma gli Enti interessati avranno tempo fino al prossimo 26 aprile per iscriversi al relativo elenco tenuto presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Quali requisiti per iscriversi nell’elenco delle associazioni culturali per il due per mille L’articolo 97-bis del “Decreto Agosto” ha nuovamente previsto la possibilità di destinare il due per

31 marzo 2021 nuova proroga per gli adeguamenti statutari al Codice del Terzo Settore

31 marzo 2021: nuova proroga per gli adeguamenti statutari al Codice del Terzo Settore

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Legge n. 159 del 27 novembre scorso, di conversione del Decreto Legge n. 125/2020, in correlazione con la proroga dello stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021, trova conferma l’ennesima proroga del termine per l’adeguamento degli statuti alle disposizioni del Codice del Terzo Settore, da parte dei futuri ETS, al prossimo 31 marzo. Superando la scadenza posticipata al 31 ottobre 2020 dal Decreto Cura Italia, Organizzazioni di Volontariato, Associazioni

DPCM 3 dicembre: nessuna novità per l'attività sportiva ed i centri culturali

DPCM 3 dicembre: nessuna novità per l’attività sportiva ed i centri culturali

Illustrato in conferenza stampa dal premier Giuseppe Conte, entra in vigore oggi il DPCM del 3 dicembre 2020 (GU Serie Generale n. 301), contenente ulteriori disposizioni per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19. Sempre nel solco della massima prudenza funzionale a scongiurare una terza ondata, probabilmente catastrofica anche sotto il profilo economico, il testo conferma la suddivisione del territorio italiano in aree in correlazione al livello di rischio, con misure di maggior rigore dovute alle imminenti festività natalizie,

DPCM 24 ottobre: sospese le attività di palestre, piscine e centri culturali

DPCM 24 ottobre: sospese le attività di palestre, piscine e centri culturali

Vista l’evoluzione della situazione epidemiologica legata al coronavirus, “il carattere particolarmente diffusivo dell’epidemia e l’incremento dei casi sul territorio nazionale”, è stato pubblicato nella giornata di ieri il Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 24 ottobre 2020, il terzo DPCM in 11 giorni. In sostituzione di quanto stabilito dal DPCM del 13 ottobre scorso, così “come modificato e integrato dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 18 ottobre 2020”, il testo sancisce l’entrata in

Coronavirus, fase 2: cosa cambia dal 4 maggio per attività sportive e culturali

Nel corso dell’ultima conferenza stampa, il Premier Giuseppe Conte ha illustrato i contenuti del DPCM del 26 aprile in vigore dal prossimo 4 maggio, relativo alla tanto attesa “fase 2” che, dopo le chiusure iniziali legate all’emergenza sanitaria del coronavirus, cui sono seguite le misure di sostegno all’economia ed ai lavoratori (anche sportivi) nonché le iniezioni di liquidità, dovrebbe costituire momento di passaggio per un prossimo e graduale ritorno ad una nuova normalità. Entra nel vivo la

Coronavirus: quali misure si applicano ad ASD/SSD, circoli culturali ed ETS?

Coronavirus: quali misure si applicano ad ASD/SSD, circoli culturali ed ETS?

In un momento storico così delicato sotto il profilo sanitario per il coronavirus, ciò che preme maggiormente è la tutela della salute collettiva. Senza addentrarci in campi non di nostra competenza, l’obiettivo dei provvedimenti degli ultimi tempi è sempre stato quello di mettere nella condizione professionisti ed esperti di svolgere al meglio il proprio lavoro, curando e salvando più vite possibili, in attesa di una cura (prima) e di un vaccino (poi) contro il coronavirus. AGGIORNAMENTO DELL’11

Riforma Terzo Settore e regime fiscale transitorio: risoluzione di Agenzia Entrate

Riforma Terzo Settore e regime fiscale transitorio: risoluzione di Agenzia Entrate

Il 25 ottobre scorso Agenzia Entrate ha diffuso la risoluzione n. 89/E, sul regime fiscale transitorio da applicarsi, nelle more dell’istituzione del Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (RUNTS), alle ONLUS, alle Organizzazioni Di Volontariato (ODV) ed alle Associazioni di Promozione Sociale (APS) in attesa della piena operatività del Codice del Terzo Settore in vista della scadenza per gli adeguamenti statutari al D. Lgs.117/17 prorogata al 30 giugno 2020. Alle circolari sulla Riforma del Terzo Settore diffuse