Esiste l’obbligo di emettere ricevute e scontrini per le Associazioni?

Un Ente non profit è tenuto obbligatoriamente a rilasciare ricevuta o
scontrino
per le somme incassate? La risposta immediata al quesito è “no”, cui
far seguire però, per amore di verità, alcune precisazioni. 
Andiamo
con ordine. 
Il Decreto
Ministeriale 21 dicembre 1992, n. 6016, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.
300 del giorno successivo ed intitolato “Esonero dall’obbligo di rilascio
della ricevuta e dello scontrino fiscale
per determinate categorie di
contribuenti
” ha stabilito che le Associazioni non siano tenute ad emettere
scontrino o ricevuta fiscale in caso di cessione di beni o prestazione di
servizi. Tale Decreto, all’articolo 1, punto 15, ha infatti stabilito che “Non sono soggette all’obbligo di
documentazione disposto dall’art. 12, comma 1, della legge 30 dicembre 1991, n.
413, le categorie di contribuenti e le operazioni sotto elencate: (…)
operazioni poste in essere dalle associazioni sportive dilettantistiche che si
avvalgono della disciplina di cui alla legge 16 dicembre 1991, n. 398, nonché
dalle associazioni senza fini di lucro e dalle associazioni pro – loco,
contemplate dall’art. 9 – bis della legge 6 febbraio 1992, n. 66
”.

Questo
a conferma di quanto precisato, e cioè che le Associazioni non sono soggette
all’obbligo di emissione di ricevuta o scontrino fiscale
.

Veniamo
ora alle precisazioni: 

 –      
il fatto che le Associazioni non siano “soggette all’obbligo di documentazione …” non
significa che esse non debbano o non possano emettere ricevuta,
ma che non ne siano obbligate. Pare una precisazione banale ma così non è: ciò
significa che laddove un Ente decida di emetterle, queste ricevute devono
essere corrette sotto il profilo formale (oltre che ovviamente sostanziale). Ne abbiamo già parlato in un recente articolo
 –      
ferme le prescrizioni di legge, l’assenza
assoluta di imposizione fiscale sulle attività istituzionali, dal momento che
non si versano imposte di sorta sui corrispettivi incassati per il
raggiungimento delle finalità sociali, induce a ritenere che, nell’ipotesi di
verifica fiscale, molto ben gradite siano a tutti gli accertatori le pezze
giustificative a sostegno di una ricostruzione a posteriori della contabilità.
Ciò dal momento che molto differente è indicare ai Funzionari incassi per 10
oppure 10 ricevute da 1 che portano ad un totale di 10.

Tutto ciò premesso, cerchiamo in estrema
sintesi di fare chiarezza su questo tema in modo semplice e diretto: le
Associazioni, salvo casi particolari, sono esonerate dall’obbligo di rilasciare
scontrino o ricevuta
, anche se questi elementi possono rappresentare strumenti
fondamentali per certificare la bontà della gestione oltre che la correttezza e
coerenza della contabilità e del bilancio. In un recente articolo parliamo di approvazione del bilancio ed avanzo di gestione a zero.

Vi salutiamo con alcune domande:

– quanti non chiedono la ricevuta?
– quanti la chiedono?
– quanti si dimenticano di chiederla ed a distanza di mesi si ricordano che hanno bisogno della ricevuta per l’attività sportiva del minore da presentare al commercialista? Come è possibile, in questo caso, emettere una ricevuta dopo mesi dall’avvenuto incasso delle quote? Avete mai sentito parlare di dichiarazione e non di ricevuta per questo caso specifico? 

© riproduzione riservata

Per
restare aggiornati sugli altri articoli e sui nostri interventi,
occorre cliccare su “ricevi le notifiche” nella pagina di facebook di Tutto non profit dopo aver cliccato su “Mi piace”

Per iscriverVi alla nostra newsletter gratuita inserire la Vostra mail in alto.


Stefano Bertoletti stefano@movidastudio.i
Gabriele Aprile gabriele@movidastudio.it

Su Facebook: Equipe Movida e Tutto Non Profit

Su Twitter: @EquipeMovida
Su Google+: Tutto Non Profit 
Su Linkedin: Equipe Movida
(Visited 124 times, 16 visits today)

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

4 commenti

  1. salve faccio parte di una aps volevo chiedervi ma si può usare una numerazione diversa per le diverse categorie di entrate cioè 1 per le quote 2 per le erogazioni liberali 3 per contributo attività (usando 3 blocchetti diversi) ques'ultime ricevute sono obbligatorie o solo quando il socio lo chiede.grazie e buona giornata!

    1. Buongiorno.
      In linea generale sarebbe opportuno che fossero in numero progressivo tutte insieme, ma se decidete di operare in questo modo si ritiene di predisporre prima un verbale di consiglio direttivo dove si specifica questa procedura.
      i migliori saluti, Gabriele Aprile

  2. Salve mi scuse se disturbo ma da ignorante in materia ho bisogno di un informazione. Sto creando un evento in un paese appoggiandomi ad un associazione ; volevo sapere per la vendita di cibo e bevande devo effettiare la fiscalizzazione del registratore di cassa??