Associazione in tribunale per aver incassato quote mensili dai soci senza convocare assemblee

Quota annuale + quota mensile Versus nessuna convocazione e nessuna partecipazione alle assemblee sociali. Quante Associazioni si trovano o si sono trovate in questa condizione? Le richieste che riceviamo, i commenti che pubblichiamo, gli articoli che leggiamo, ci fanno pensare che purtroppo non si tratta di casi sporadici, ma i numeri di Associazioni non in linea con le richieste normative è davvero considerevole.

Ebbene, premesso che almeno in tutte queste occasioni, oltre ad avervelo detto, l’abbiamo scritto:
Non profit da dimostrare, sempre!
Approvazione bilancio e avanzo di gestione a zero
Come gestire la domanda di ammissione a socio e l’incasso della quota sociale?
Approvazione domanda di ammissione a socio: ve l’avevamo detto!
Dobbiamo continuare?! 😉

Leggete un pò QUESTO articolo de “La Stampa” intitolato “Associazione Sportiva in tribunale per la quota mensile versata dagli associati“.

Tutto Non Profit © riproduzione riservata

Per approfondire consultate i nostri E-Book, le Guide ed iscrivetevi alla newsletter (che tratta di temi fiscali, gestionali, amministrativi e giuridici per SSD, ASD, ETS, ODV ed APS). Account social: Facebook (Movida Studio), Twitter (Movida Studio), Instagram (Movida Studio), Linkedin (MOVIDA SRL) e YouTube (MOVIDA SRL).

(Visto 365 volte, 1 visite oggi)

Condividi su:

2 commenti

  1. buonasera, siamo un associazione musicale volevamo porre qualche domanda:
    1) sul regolamento interno possiamo mettere che ogni singola lezione di strumento o canto costa 10 euro?
    2) se si, ogni fine mese i soci pagherebbero dei contributi per i corsi differenti. è corretto?
    3) quale percentuale dei contributi raccolti per i corsi, può essere usata per dare dei rimborsi a piè di lista ai soci volontari che svolgono i corsi?
    Grazie per la risposta e per il lavoro che fate

    1. Buongiorno. E' possibile pattuire quote attività differenti in funzione della tipologia di corso. Non è corretto ragionare su di una "percentuale di contribuiti raccolti per i corsi" per quantificare i rimborsi a piè di lista dei collaboratori dal momento che detti rimborsi analitici devono essere coerenti con spese effettivamente sostenute dai collaboratori, e non in funzione degli incassi dell'Ente (circostanza che determinerebbe un'evidente violazione del divieto di distribuzione di utili per un'Associazione). Cordialità, Stefano Bertoletti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *