Operazioni intracomunitarie per gli Enti non commerciali

Operazioni intracomunitarie per gli Enti non commerciali Dal 1993 sono state abolite le barriere doganali tra i Paesi aderenti alla Comunità Europea, e in ambito IVA è stata introdotta la normativa transitoria della tassazione nel Paese di destinazione del bene oggetto di scambio intracomunitario. Secondo questa nuova regola, il soggetto che acquista un bene mobile da un altro soggetto appartenente a uno Stato aderente all’Unione Europea è tenuto ad integrare la fattura ricevuta dell’IVA. Tramite il meccanismo

Bagno turco, idromassaggio ed associazioni sportive dilettantistiche

Prestazioni quali “Bagno turco ed idromassaggio” da parte di associazioni sportive dilettantistiche possono essere ricondotte tra le attività decommercializzate ai sensi dell’art. 148, comma 3, del TUIR? Leggo oggi su un sito per commercialisti come “caso del giorno” una notizia del 17 maggio 2010 che avevamo già analizzato a tempo debito. Si tratta della risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 38 del 17/05/10 intitolata Chiarimenti in merito a problematiche tributarie relative agli enti sportivi dilettantistici. Al quesito la

Bar mascherati da circoli ricreativi

Da quando “Mi manda RAI 3” ha prodotto il servizio sui Circoli dell’evasione rispondo alle persone che mi chiedono di aprire un bar o un pub o un ristorante come circolo fornendo il link del servizio. La Commissione Tributaria Reg. di Torino, con la sentenza del 24 marzo 2011, n. 18/10/11 parla di libero accesso per la Guardia di Finanza (se il circolo vende bevande o alimenti anche ai clienti occasionali, e non effettua i necessari adempimenti,

Quando il lavoro paga: Verifiche Fiscali agli enti non profit

Il 3 febbraio scorso è stata esaminata in Commissione Parlamentare la situazione delle verifiche fiscali dirette alle associazioni sportive dilettantistiche alla luce sia di una Risoluzione (strumento fondamentale per definire gli indirizzi dell’azione di Governo) che di un’Interrogazione al Governo promossa da un noto referente di un Ente di Promozione Sportiva. In entrambi i documenti cui facciamo riferimento emerge la preoccupazione per tutte quelle contestazioni fondate “nella gran parte dei casi” su “banalissimi problemi di natura formale,

Accertamenti al mondo del fitness e controllo di gestione

“Accertamenti al mondo del fitness e controllo di gestione”. Questo il titolo del VI Convegno Nazionale ANGEOS, patrocinato della Città di Settimo Torinese (TO) venerdì 25 marzo 2011, presso la Biblioteca Comunale di Piazza Campidoglio 50. I posti disponibili sono circa 70 e questo è il programma: – Saluti delle Autorità, Presidenza e apertura dei lavori 15,30 – Aspetti gestionali 15,45 – Il controllo accessi e il controllo di gestione per una efficace gestione operativa Cesare Fornasero

Registrazione di una ONLUS

Qualcuno mi aiuta per la registrazione di una ONLUS? Qualche giorno fa ci siamo imbattuti in questa domanda sul web. Buongiorno a tutti. Da qualche giorno sto cercando informazioni su questo argomento, ho ricevuto già alcune risposte, ma vorrei ancora delle risposte grazie ad ******. Questi i quesiti: – La richiesta del codice fiscale, necessaria per la registrazione all’Agenzia delle Entrate dello statuto di una ONLUS, prevede l’inserimento dell’acronimo sul certificato di attribuzione stesso, oppure occorre che

La scelta etica dello STUDIO MOVIDA

IL RISPETTO DEL CLIENTE E LE RELATIVE ASSUNZIONI DI RESPONSABILITA’ – LA SCELTA ETICA DELLO STUDIO MOVIDA La modulistica e le informazioni che la nostra società fornisce, sia in formato cartaceo che elettronico, costituiscono il risultato di anni di studio, esperienza e lavoro. Le procedure che cerchiamo di trasmetterVi e che abbiamo elaborato, derivano non solo dal costante aggiornamento che ogni giorno abbiamo modo di raggiungere direttamente sul campo ma sono soprattutto il frutto di una costante

Adempimenti necessari per Operazioni Intracomunitarie

Operazioni Intracomunitarie Il Decreto Legge 78/2010 ha introdotto alcune importanti novità per i titolari di partita iva che intendono acquistare o cedere beni e/o servizi da altri paesi dell’Unione Europea. È stata infatti prevista la necessità di manifestare, mediante lettera in carta semplice indirizzata alla Direzione Provinciale dell’Agenzia delle Entrate, la volontà di porre in essere operazioni intracomunitarie. Coloro che non richiederanno tale autorizzazione (entro e non oltre il 28 gennaio 2011) saranno sospesi dall’archivio dei soggetti

Il milleproroghe permette l’invio del modello EAS fino al 31 marzo 2011

E’ stato fissato al 31 marzo 2011 il termine ultimo per l’invio del modello EAS, ossia di quel questionario per comunicare i dati rilevanti ai fini fiscali introdotto dall’articolo 30 del decreto legge 185/2008, in base al quale gli enti associativi di natura privata, con o senza personalità giuridica, al fine di fruire dei benefici previsti dalla legge (non imponibilità dei corrispettivi, delle quote e dei contributi – articolo 148 del Tuir e articolo 4 del Dpr

Modello EAS e variazioni

E’ indispensabile presentare un nuovo Modello EAS quando è cambiato il Presidente o quando sono cambiati dei dati relativi all’Associazione? La risposta è “a certe condizioni no”. Lo precisa la risoluzione 125/E dell’Agenzia delle Entrate del 6 dicembre 2010, la quale stabilisce che: “… le variazioni dei dati del rappresentante legale e, più in generale, dei dati relativi all’ente, devono essere comunicate all’Agenzia delle entrate attraverso: a) il modello AA5/6 per i soggetti non titolari di partita