In arrivo 100 milioni di euro per il potenziamento delle attività sportive e per la rigenerazione degli impianti!

Ottime notizie per gli Enti sportivi non profit! Il D.L. n. 185 del 25.11.2015 ha infatti previsto l’istituzione del Fondo “Sport e Periferie” funzionale al potenziamento delle attività sportive agonistiche nazionali attraverso la realizzazione, rigenerazione o completamento di impianti sportivi con l’obiettivo di rimuovere gli squilibri economico – sociali ed incrementare altresì la sicurezza urbana. La norma ha autorizzato una spesa complessiva di 100 milioni di euro spalmata nel triennio 2015 – 2017 (20 nel 2015, 50 nel 2016 e 30 nel 2017): sarà compito del CONI presentare entro il 23.02.2016 alla Presidenza del Consiglio dei Ministri un piano di interventi che potrà poi essere rivalutato entro la fine di febbraio di ogni anno.

Sugli scopi per i quali dovranno essere spesi i denari istituiti dal Fondo così si legge nell’articolo 15 comma 2 del decreto: “Il Fondo e’ finalizzato ai seguenti interventi:
a) ricognizione degli impianti sportivi esistenti sul  territorio nazionale;
b) realizzazione e rigenerazione di impianti sportivi con destinazione all’attivitàagonistica nazionale, localizzati nelle aree svantaggiate del Paese e nelle periferie urbane e diffusione di attrezzature sportive nelle stesse aree con l’obiettivo di rimuovere gli squilibri economici e sociali ivi esistenti;
c) completamento e adeguamento di impianti sportivi esistenti, con destinazione all’attivitàagonistica nazionale e internazionale;
d) attività e interventi finalizzati alla presentazione e alla promozione della candidaturadi Roma 2024
“.

Prosegue poi il comma 6 dell’articolo precisando che “le associazioni e le società sportive senza fini di lucro possono presentare al Comune, sul cui territorio insiste l’impianto sportivo da rigenerare, riqualificare oammodernare, un progetto preliminare accompagnato da un piano di fattibilità economico finanziaria per la rigenerazione, la riqualificazione e l’ammodernamento e per la successiva gestione con la previsione di un utilizzo teso a  favorire l’aggregazione sociale e giovanile. Se il Comune riconosce l’interesse pubblico del progetto affida la gestione gratuita dell’impianto all’associazione o alla società sportiva per una durata proporzionalmente corrispondente al valore dell’intervento “.

QUI potrete consultare tutta la documentazione da presentare in caso di candidatura e le relative modalità di trasmissione degli incartamenti.

Se soddisfate le richieste non perdete questa occasione!

Tutto Non Profit © riproduzione riservata – VOLETE SAPERNE DI PIÙ? Consultate le nostre Guide (cliccando QUI) e richiedete un aggiornamento periodico e approfondito sulle tematiche gestionali e giuridico-fiscali di tutti gli Enti non Profit (ASD, OdV,ONLUS, APS, SSD, …) cliccando QUI.

(Visited 31 times, 1 visits today)

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *