Iscriviti alla nostra newsletter!

martedì 27 gennaio 2015

Agenzia Entrate: Risoluzione 10/E del 23.01.2015 - qualificazione "ONLUS" ed attività connesse

Cari lettori affrontiamo oggi un tema caro a tutte le organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS), che per godere delle agevolazioni fiscali a questi Enti destinate, oltre a doversi iscrivere all'Anagrafe Unica (avevamo già approfondito questo aspetto specifico QUI) devono necessariamente altresì rispettare taluni obblighi imposti dalla legge. In particolare l'art. 10 n. 5 del D. Lgs. 460/97 precisa come ad una ONLUS sia consentito "l'esercizio delle attività connesse ... a condizione che, in ciascun esercizio e nell'ambito di ciascuno dei settori elencati alla lettera a) del comma 1, le stesse non siano prevalenti rispetto a quelle istituzionali e che i relativi proventi non superino il 66 per cento delle spese complessive dell'organizzazione".
Bene, nei giorni scorsi Agenzia Entrate con la risoluzione n. 10/E si è trovata a rispondere ad un quesito del seguente tenore letterale: "La Fondazione ALFA ONLUS (di seguito Fondazione) ha chiesto chiarimenti in merito alla possibilità di mantenere la qualifica di ONLUS, anche nell’ipotesi in cui, nell’ambito della propria attività di consultorio - al fine di assicurare il completamento della terapia e, così, garantire il proficuo trattamento dell’utente - renda anche prestazioni il cui corrispettivo, non rimborsato dalla Regione, resta a carico dello stesso utente".

tutto non profit - Agenzia Entrate: Risoluzione 10/E del 23.01.2015 - qualificazione "ONLUS" ed attività connesse

Senza addentrarci troppo nel ragionamento portato avanti da Agenzia Entrate (che potrete in ogni caso leggere consultando la sopra indicata risoluzione), questa ha ribadito come:
- la lettera c) dell’articolo 10, comma 1, del citato D. Lgs. n. 460 prevede, per le ONLUS, il divieto di svolgere attività diverse da quelle previste istituzionalmente e nei settori indicati, “ad eccezione delle attività ad esse direttamente connesse”;
- sono attività connesse “(…) le attività accessorie per natura a quelle statutarie istituzionali, in quanto integrative delle stesse”.
Ciò premesso, sulla base di quanto già previsto dalla circolare n. 168/E del 26.06.1998, Agenzia giunge dunque ad affermare come la prevalenza vada "valutata tenendo conto di un insieme di elementi rilevanti al fine di una comparazione tra le attività istituzionali e quelle direttamente connesse" e pertanto come "nel rispetto delle condizioni ... si è dell’avviso che la Fondazione interpellante - pur incassando dei compensi per le prestazioni aggiuntive rese ai medesimi pazienti a completamento di una terapia già in corso - non perda la qualifica di ONLUS".

© riproduzione riservata

Volete sapere di più? Consultate le nostre guide (cliccando QUI) e richiedete un aggiornamento periodico e approfondito sulle tematiche gestionali e giuridico-fiscali di tutti gli Enti non Profit (ASD, OdV, ONLUS, APS, SSD, ...) cliccando QUI.

Per restare aggiornati sugli altri articoli e sui nostri interventi, occorre cliccare su "ricevi le notifiche" nella pagina di facebook di Tutto non profit dopo aver cliccato su "Mi piace".
 
Per iscriverVi alla nostra newsletter gratuita inserire la Vostra mail in alto 

Stefano Bertoletti stefano@movidastudio.it 
Gabriele Aprile gabriele@movidastudio.it 

Su Facebook: Equipe Movida e Tutto Non Profit
Su Twitter: @EquipeMovida
Su Google+: Tutto Non Profit
Su Linkedin: Equipe Movida

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...