IMU e TASI 2014 per gli Enti non commerciali

E’ stato firmato in data 26 giugno 2014 (siamo in attesa della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale) il Decreto di approvazione del Modello IMU e TASI 2014 per gli Enti non commerciali.
Il termine di presentazione per gli anni 2012 e 2013 è il 30 settembre 2014.

Per i lettori che non riescono a pazientare fino alla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, mettiamo a disposizione il Decreto del 26 giugno (consultabile QUI) ed il Modello IMU e TASI 2014 con relative istruzioni (consultabile QUI).

Aggiornamento del 4 luglio 2014: è uscito oggi in Gazzetta Ufficiale, serie Generale n. 153 del 4-7-2014 (consultabile QUI) l’approvazione del modello di dichiarazione dell’IMU e della TASI per gli enti non commerciali, con le relative istruzioni. Nel primo dei due allegati sono indicate (oltre, ovviamente, a tutte le altre istruzioni) le condizioni per l’esenzione ed i criteri per la determinazione del rapporto proporzionale. Vi consigliamo di scaricare gli allegati e leggere con attenzione.

Aggiornamento del 4 agosto 2014: pubblicate le specifiche tecniche per la trasmissione telematica. Per approfondire cliccate QUI.

Tutto Non Profit © riproduzione riservata – VOLETE SAPERNE DI PIÙ? Consultate le nostre Guide (cliccando QUI) e richiedete un aggiornamento periodico e approfondito sulle tematiche gestionali e giuridico-fiscali di tutti gli Enti non Profit (ASD, OdV,ONLUS, APS, SSD, …) cliccando QUI.

(Visited 103 times, 1 visits today)

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

4 commenti

  1. domanda: il locale in cui opera una ASD, di proprietà di una persona fisica, ma data in comodato gratuito… è soggetto a queste imposte e ci sono modalità di esenzione?
    Nel caso, c'è modo di ottenere dei rimborsi?

  2. Buongiorno, e grazie innanzi tutto per le vostre preziose informazioni.
    Vorrei sapere se l'obbligo di dichiarazione IMU e TASI spetta anche ad un'associazione che ha un immobile in comodato gratuito il cui proprietario paga a sua volta le stesse imposte.
    Grazie
    Daniela

    1. Buongiorno Daniela.
      Premesso che il proprietario deve pagare IMU e TASI anche se il locale è dato in comodato gratuito all'Associazione, dovete definire con il proprietario stesso gli accordi su chi dei due paga.
      I migliori saluti, Gabriele Aprile