Le Iene parlano ancora di non profit: bilanci chiusi a zero? Attenzione!

Ieri, giovedì 1 marzo, mi stavo distraendo, come il mese scorso, guardando Le Iene e ho seguito con molta attenzione il servizio intitiolato “Club privè no profit”. Questa mattina abbiamo contattato Le Iene inviando la comunicazione di seguito.

Buon giorno, la presente per segnalarVi che seguiamo con molto interesse i Vostri servizi sul non profit.
Da consulenti del settore riteniamo che la Vostra azione sia importante, efficace e condivisibile, soprattutto che gli stessi consulenti che operano in questi ambiti dovrebbero prendere le distanze ed evitare di difendere, se non progettare, situazioni e impostazioni insostenibili, se non vergognose. Sono anni che denunciamo le storture del settore anche dalle pagine del nostro sito web.
Tuttavia riteniamo che sia necessario correggere le affermazioni relative al “bilancio a zero”, infatti le cose non stanno così e pur comprendendo la necessità di semplificazione per ragioni televisive, questo errore rischia di creare problemi agli enti non profit autentici (e ce ne sono tanti) e di esporre la Vostra utile azione a critiche sul piano tecnico e fiscale. Un ente non profit deve avere un fine ideale e non economico e non può distribuire utili, nel senso che se a fine anno esiste un avanzo di gestione, questo non può essere distribuito (come se fosse un utile), ma va investito o portato a bilancio nell’anno successivo. Chiudere i rendiconti “a zero” è infatti una semplificazione scorretta e di fatto impossibile da realizzarsi.
Non siamo alla ricerca né di facile pubblicità, né di visibilità, ma dopo oltre 16 anni di lavoro sul tema degli enti non profit, riteniamo sia corretto difendere coloro che agiscono rispettosamente, confermandoVi che esistono numerose realtà che, distorcendo la normativa “sporcano” tutto il settore (e Vi possiamo documentare quanto affermato).
Vi abbiamo già scritto un twit e inviato una segnalazione dal web. Riteniamo che il Vostro lavoro sia indispensabile, oltre che eticamente doveroso, e il nostro semplice intento è quello di fornire un contributo di chiarezza per difenderlo.
RingraziandoVi per l’attenzione restiamo a disposizione per qualunque necessità.

Per tutti coloro che intendessero verificare la gestione della loro Associazione/Società Sportiva abbiamo ideato un check di cui seguono specifiche. L’intervento proposto prevede:
– invio da parte nostra via mail di apposito questionario in formato excel;
– trasmissione sempre a mezzo mail del questionario compilato unitamente ad una copia di statuto;
– call conference su skype dedicata all’analisi del questionario, della gestione dell’Associazione ed alle eventuali criticità riscontrate, con verifica delle possibili soluzioni operative;
– predisposizione, nell’arco dei 5 giorni lavorativi successivi alla call, di apposita relazione corredata dall’indicazione delle corrette modalità gestionali.

Per maggiori informazioni sul check, cliccate QUI mettendo come oggetto “info check”.

Tutto Non Profit © riproduzione riservata – VOLETE SAPERNE DI PIÙ? Consultate le nostre Guide (cliccando QUI) e richiedete un aggiornamento periodico e approfondito sulle tematiche gestionali e giuridico-fiscali di tutti gli Enti non Profit (ASD, OdV,ONLUS, APS, SSD, …) cliccando QUI.

(Visited 140 times, 1 visits today)

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 commenti

  1. Beh, che dire, sono contento che le Iene facciano questi servizi!!! Sia perchè da presidente di un'associazione ritengo che fare chiarezza sia soprattutto a vantaggio di chi opera nel modo corretto; sia perchè è doveroso far sapere che ci sono soggetti che sfruttano e distorcono a loro favore le leggi sul no profit!!!
    Detto questo però vi faccio i complimenti per la vostra precisazione, a cui spero sia data la giusta risonanza mediatica.
    Purtroppo quando si parla di NO PROFIT nei grandi mezzi di comunicazione, è quasi sempre per dar risalto ad esempi negativi. Mi piacerebbe che sia dato risalto anche a enti che operano correttamente. Michele

    1. Grazie Michele per le belle parole.
      Da anni oramai andiamo dicendo con forza che il settore del non profit è purtroppo soggetto alle molte storture di tutti coloro che ne abusano per trarne esclusivamente un guadagno personale. Non è possibile però, ne tanto meno corretto, ritenere che tutti gli operatori del non profit rientrino nelle categorie che Le IENE hanno sapientemente individuato. E proprio per tutelare tutti quelli che credono in ciò che fanno, e che lo mettono in pratica nel più rigoroso rispetto della normativa vigente, che noi continueremo in questa direzione!
      Gabriele e Stefano

  2. ULTIMAMENTE IL NON PROFIT, QUELLO AUTENTICO è VISTO CON OCCHI DIVERSI QUSI COME FOSSE UN SISTEMA PER FARE I FURBI. SICURAMENTE CI SONO, CHE BENVENGANO SERVIZI COME QUESTO PER SMARSCHERARLI A FAR USCIRE IL NON PROFIT VERO.

  3. Mandrake mi ha detto che il suo bilancio non profit lo chiude sempre a zero.

    Colgo l'occasione per ringraziarVi. Siete una manna in questo oceano. Almeno per me.

    gabriella.

  4. I furbi danneggiano gli onesti. L'organizzazione di Volontariato cui faccio part,e, pubblica in apposita area trasparenza del proprio portale web rendicontazioni, donazioni e utilizzo dei proventi del 5xmille. Speriamo sempre in un cambiamento migliore. Per questo le persone oneste devono essere attori di giustizia. Grazie anche a Voi per il prezioso contributo.

    1. Buona sera Tino.
      Vedrà che prima o poi arrivano da tutti gli Enti che abusano della veste di ente non profit, anche se il poi non è dietro l'angolo…
      Non possiamo che augurarVi una continuazione sempre migliore.
      Buon week end.

  5. Ringrazio, anche perché quanto da Voi sostenuto conferma quanto sempre illustrato ai nostri Soci, cui ho inviato la segnalazione in oggetto.

    Cordiali saluti.

    A.B.